SALUZZO: NUOVE PROTESTE AL FORO BOARIO

Ieri [14 luglio] pomeriggio alcuni migranti che da settimane dormono sotto le stelle – e la pioggia – hanno deciso di riprendersi da soli una minima parte di ciò che gli spetta, cioè almeno quel telo sulla testa che l’anno scorso a Guantanamò li riparava dalle intemperie. Non sono pochi i casi che abbiamo conosciuto direttamente, di chi in queste settimane si è ammalato, a furia di essere svegliato da piogge battenti in un clima spesso autunnale. “Quest’anno è peggio dell’anno scorso”, “L’anno scorso eravamo più di 600 e lo sapevano, adesso con questo campo permettono solo a 200 di avere un posto dove dormire e noi?”. Così, i più determinati hanno iniziato a rimuovere i cartelli di divieto di campeggio ed i sigilli anti-bivacco che recingono il viale di fronte al campo caritas – dove l’anno scorso si estendeva Guantanamò – determinati ad accamparsi lì.

Immediato è stato l’arrivo delle forze dell’ordine che, insieme al sindaco e ad altri attori preposti alla “governance” dell’emergenza migranti, hanno represso sul nascere l’iniziativa autonoma dei migranti e sedato le proteste con le solite modalità subdole. L’obiettivo era infatti semplicemente quello di placare gli animi ed uscire da una situazione “ingovernabile”, per cui al sindaco è bastato far uscire dal cilindro una nuova promessa. Se, in seguito alle proteste di qualche settimana fa, i riottosi erano stati “addomesticati” con la proposta di trasferirne dieci al campo di savigliano, questa volta le istituzioni hanno promesso di trovare altre tende per i senzatetto.
L’obiettivo è evidentemente quello di evitare la presenza di accampamenti incontrollati al di fuori del perimetro del campo caritas, il quale viene così strumentalizzato dalle istituzioni, che intendono farne un vero e proprio spazio di contenimento, non di accoglienza. Non importa che già adesso più del doppio delle persone vivano ammassate in uno spazio adibito ad ospitarne la metà: finchè stanno lì dentro, non sono visibili e non fanno casino, tutto a posto.
Se si troveranno risposte-tampone (cioè tende) sufficienti per le oltre 200 persone “in eccesso”, più quelle che ogni giorno continuano ad arrivare, e se sarà percorribile il disegno di ammassarle tutte entro uno spazio recintato, sarà tutto da vedere. Per ora, l’obiettivo delle istituzioni è stato raggiunto: l’iniziativa autonoma dei migranti è stata fermata, le persone sono rientrate nel campo, a dormire sotto le stelle e la pioggia, al Foro Boario è tornato il silenzio. Ma la calma apparente fino a quando proseguirà?

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans