Roma: appello alla mobilitazione dei lavoratori dell’accoglienza

QUELLO CHE NON VI RACCONTANO DELL’ACCOGLIENZA

-LA PAROLA AGLI OPERATORI SOCIALI-

ASSEMBLEA PUBBLICA

MERCOLEDì 1 LUGLIO ORE 10:00 – VIALE MANZONI 16

Sotto il V Dipartimento alle Politiche Sociali

Il sistema d’accoglienza di questo Paese e soprattutto di questa città costringe gli operatori sociali dei centri per migranti, richiedenti asilo e rifugiati a lavorare in condizioni di forte precarietà, sfruttamento e ricatto continuo. Ritardi nei pagamenti, mancanza di chiarezza sulle mansioni da svolgere, non riconoscimento delle competenze individuali, richiesta di estrema flessibilità, assenza di controlli sanitari e sui contratti sono solo alcune delle problematiche che questi lavoratori affrontano ogni giorno.

Di certo non basta “Mafia Capitale” a risolvere simili problemi. Anzi, in molti casi le conseguenze di questa inchiesta rischiano di ricadere  proprio sulle spalle degli operatori. Infatti, mentre le cooperative indagate continuano a vincere nuovi appalti per aprire nuovi centri, il pagamento degli stipendi è bloccato da mesi e non sembra, a livello istituzionale, esserci la minima idea di come organizzare l’accoglienza in questa città.

A.L.A. (Assemblea dei Lavoratori e delle Lavoratrici dell’Accoglienza) ragiona da mesi sul sistema d’accoglienza, convinta che lo sfruttamento di operatori e ospiti sia frutto degli stessi meccanismi, funzionali a garantire il profitto delle cooperative.

Nelle ultime settimane, in molti tra media main stream e figure istituzionali hanno preso parola rispetto agli sviluppi dell’inchiesta, che ha coinvolto i principali soggetti che accumulano profitti sull’accoglienza romana. Pensiamo ci sia una voce mancante: quella di chi lavora nei centri, di chi vive sulla propria pelle le storture  del sistema d’accoglienza e che non vuole più rimanere in silenzio.

Per questo, MERCOLEDÍ 1 LUGLIO alle ore 10:00 saremo sotto  l’Assessorato alle politiche sociali, in viale Manzoni  16.

Vogliamo creare  uno spazio di confronto e di denuncia rispetto a condizioni di lavoro per noi inaccettabili: sfruttamento quotidiano del nostro lavoro per cui siamo costantemente demansionati rispetto alla nostra professionalità e formazione; assenza o carenza di controlli sanitari in deroga a qualsiasi basilare norma di sicurezza; nessuna garanzia sui contratti che nella maggior parte dei casi arrivano dopo mesi, non rispecchiano la realtà del lavoro che svolgiamo e non garantiscono nessun diritto; mobbing e minacce per chi prova a mettere insieme le diverse voci dei lavoratori sparse nei diversi servizi e tenute volontariamente divise da chi non vuole nessuna forma di autorganizzazione e di tutela dei lavoratori; condizioni d’accoglienza in strutture troppo spesso inadeguate, prive di servizi e in sovraffollamento, funzionali solo a garantire profitti di qualcuno invece di tutelare diritti e dignità delle persone accolte.

Rivendichiamo:

-Il pagamento immediato di  tutti gli stipendi arretrati perché il lavoro sociale non è volontariato e il lavoro gratuito non ci piace!

-La definizione di un mansionario dell’operatore dell’accoglienza che restituisca ai lavoratori tutta la professionalità e le competenze che investe nel suo lavoro;

-La garanzia che non siano i lavoratori a pagare per la corruzione delle cooperative attraverso meccanismi di trasparenza negli affidamenti degli appalti pubblici e di erogazione dei fondi;

-La regolamentazione e il rispetto dei contratti e delle tutele sanitarie come clausola dirimente per accedere ai bandi da parte degli enti gestori;

-La trasformazione radicale del sistema d’accoglienza attraverso il superamento dei megacentri e delle perenni politiche emergenziali, fonte primaria del business e dello sfruttamento di lavoratori e migranti.

Chiediamo:

-l’apertura di un Tavolo con Comune di Roma, Assessorato alle Politiche sociali, Prefettura e Servizio Centrale, perché vogliamo avere risposte immediate sul futuro dei lavoratori dell’accoglienza a Roma, per sottolineare le criticità del sistema vigente e proporre la nostra idea di accoglienza.

Invitiamo tutti i lavoratori e le lavoratrici  dell’accoglienza a partecipare, prendendo parola e raccontando la propria condizione. Invitiamo inoltre i migranti che vivono nei centri, tutti i lavoratori e lavoratrici in mobilitazione, specialmente quelli del terzo settore con cui condividiamo numerose problematiche, le reti anti-razziste e solidali a portare il proprio contributo. Il microfono sarà aperto a tutti quelli che vorranno intervenire.

Potranno partecipare e dimostrare solidarietà alla mobilitazione anche gli operatori

che quel giorno saranno di  turno o che lavorano fuori Roma, tweettando con l’hashtag #operatori1L. Durante la mattinata alcuni di questi tweet saranno letti al microfono.

FERMIAMO LO SFRUTTAMENTO DI LAVORATORI EMIGRANTI!

Per info: infoala@autistici.org

Facebook: Assemblea dei lavoratori dell’accoglienza (A.L.A.)

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans