Il garante dei detenuti in visita all tendopoli di S.Ferdinando: una riflessione.

La notizia che il garante nazionale dei diritti dei detenuti si sia recato in visita alla tendopoli di San Ferdinando è al contempo assurda ed estremamente eloquente. Da una parte, è una chiara dichiarazione da parte delle istituzioni di quello che noi ripetiamo da tempo: la tendopoli di San Ferdinando, come del resto tutto il sistema di “accoglienza” in Italia, è una prigione e i suoi “ospiti” sono detenuti. Tenuti sotto scacco se non da sbarre, da recinti, badge con l’impronta digitale, polizia ai cancelli e il ricatto di perdere il posto se ci si allontana, di poterlo avere soltanto se muniti di documenti validi, e di poter mantenere i suddetti documenti soltanto se si accetta di essere trasferiti in queste nuove prigioni. Il garante ci libera così finalmente dall’assurdo vocabolario della buona accoglienza e ci fa vedere le cose per come stanno.
La vera assurdità, invece, sta nelle sue conclusioni, quando parla di “passi avanti” e afferma che la vita delle persone in tendopoli è soggetta a “ragionevole regolamentazione (divieto di accesso ai non residenti; necessità di un’autorizzazione a mantenere il posto letto in vista di un’assenza prolungata), senza intromissioni troppo invasive nella sfera della libertà personali”.
Com’è possibile parlare di controllo e limitazioni alla libertà e al movimento “ragionevoli”? Chi vive in quelle tende sono braccianti, lavoratori che devono lottare ogni giorno contro la macchina repressiva dello stato e dei padroni per avere un documento e un contratto di lavoro, che da anni chiedono case vere e trasporti sicuri. Sono quelli che muoiono per strada e nei campi ad ogni stagione, eppure questo comunicato ci dice che è giusto che le braccia dell’agricoltura in Italia stiano in prigione, in tende spesso senza acqua né elettricità, e che tutto ciò è ragionevole – probabilmente perchè sono ‘stranieri’, ‘immigrati’, ‘neri’. A pochi giorni dallo sgombero della fabbrica occupata vicino alla tendopoli, ai cui abitanti non è stata data ancora nessuna alternativa, e alla minaccia di sgombero della vecchia baraccopoli, torniamo a ripetere che le tende non sono e non saranno mai la soluzione, e che i lavoratori e le lavoratrici delle campagne vogliono e meritano case!

https://www.corrieredellacalabria.it/importanti/item/156271-il-garante-dei-detenuti-a-san-ferdinando-fatti-passi-in-avanti/

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans