DICHIARAZIONE D’AGADIR

Noi, Organizzazioni sindacali e movimenti contadini e sociali:
• La Federazione Nazionale del Settore Agricolo FNSA/UMT /MAROCCO
• Il Sindacato Nazionale dei Pescatori, della pesca costiera e in mare aperto
SNMPCM/MAROCCO
• La Confederazione Contadina Francese
• L’Unione dei Comitati del Lavoro Agricolo Palestinese (UAWC)
• Il Consiglio Nazionale Senegalese di Concertazione e Cooperazione dei Rurali (CNCR)
• ATTAC/CADTM Marocco
• L’associazione Milioni di Donne Rurali e l’Associazione Lotta delle Terra Tunisina
Riuniti, nel quadro del Movimento Contadino Internazionale VIA CAMPSINA ad Agadir il 13, 14 e 15 Marzo 2014, sotto lo slogan: «Per la terra e la sovranità dei nostri popoli! Nella solidarietà e nella lotta! »
Dopo aver discusso del contesto locale, regionale e internazionale, caratterizzato da:
 
 In primo luogo, l’aggravamento della crisi capitalistica multidimensionale (crisi alimentare, ambientale, energetica, finanziaria, economica, istituzionale, d’indebitamento e di migrazione), e i tentativi dei governi di far sostenere ai lavoratori e alle lavoratrici della Terra e del Mare (contadini, poveri, operai e operaie agricoli, pescatori indifesi) e a tutte le categorie popolari il costo di questa crisi. Le politiche di austerità adottate generalizzano la disoccupazione, la povertà, la precarietà e la persecuzione degli immigrati. Tutto ciò in un periodo in cui la spesa in armamenti è aumentata, così come le guerre imperialiste condotte nel contesto della concorrenza per la spartizione delle sfere di
influenza e l’accaparramento delle ricchezze, sotto la copertura della legittimità internazionale. In secondo luogo, l’aumento della resistenza popolare e gli scioperi dei lavoratori e delle lavoratrici della Terra e del Mare, in numerosi paesi, contro le ripercussioni di questa crisi, e l’innescarsi del processo rivoluzionario nella regione araba e magrebina come conseguenza di decenni di impoverimento, di tirannia, di dominazione imperialista e di aggressione sionista.
Dopo aver focalizzato l’attenzione, in particolar modo, sulla crisi alimentare legata alle speculazioni capitalistiche mondiali sui prodotti agricoli e sull’incoraggiamento dell’industria degli agro-carburanti,  sotto la pressione delle grandi  società dell’agro-business,  in corsa per l’acquisizione di terre agricole soprattutto nei paesi del Sud.
Questa crisi alimentare ha colpito direttamente i popoli dei paesi dipendenti del Sud, a causa delle politiche imposte dalle istituzioni economiche mondiali, nonché del peso del debito. Questo è stato messo in evidenza, d’altronde, dai due sollevamenti e mobilitazioni popolari contro l’aumento dei prezzi degli alimenti che, scoppiati nel 2007, persistono tutt’ora.
Dopo aver esaminato le conseguenze degli accordi di libero scambio che contribuiscono a smantellare la produzione agricola contadina ovunque nel Mondo e specialmente nei paesi del sud, inondando il mercato con prodotti agricoli sovvenzionati, nonché imponendo un modello di agricoltura d’esportazione che esaurisce le risorse e inquina la natura.
Dichiariamo di continuare a lavorare insieme per:
Far fronte:
 – Alle scelte neoliberali imposte dalle istituzioni economiche internazionali e dai governi dei paesi imperialisti per garantire gli interessi delle multinazionali e scaricare il fardello della crisi del capitalismo mondiale sulle classi popolari e sui lavoratori e lavoratrici della terra e del mare.
– Alle nuove strategie neo-colonialiste e alle guerre imperialiste che impediscono l’instaurazione della pace nel Mondo e che si fanno beffa del diritto dei popoli all’autodeterminazione politica, economica, sociale e culturale.
– Al sistema capitalistico patriarcale che genera discriminazione e violenza contro le donne.
– Al saccheggio capitalista delle risorse naturali terrestri e marittime, che contribuisce ad aggravare il fenomeno della fame che infierisce in molte regioni povere del pianeta.
– Al modello di agricoltura industriale e d’esportazione che aggrava la crisi climatica, distrugge l’agricoltura contadina, i legami solidari nel mondo rurale, esaurisce l’acqua, danneggia la terra e inquina la natura.
– Alla politica di accaparramento delle terre agricole condotta dalle multinazionali e dalle imprese locali mandatarie, nonché all’espulsione dei piccoli contadini dalle loro terre, alla distruzione dei semi locali, della biodiversità vegetale e animale e del patrimonio genetico ancestrale.
Noi  dichiariamo di  voler rinforzare le forme di  solidarietà locali,  nazionali, internazionali:
-Per una riforma agraria integrale basata sulla distribuzione equa dell’acqua e delle terre e per politiche agricole che garantiscono tutti i mezzi di produzione, nonché la sovranità alimentare e il rispetto dell’ambiente.  
– Attraverso la lotta dei contadini poveri per la difesa delle loro terre e delle loro acque contro le multinazionali, quella degli operai e delle operaie agricoli per l’uguaglianza dei loro salari e per il diritto all’organizzazione sindacale, alle negoziazioni collettive e il miglioramento delle condizioni lavorative, quella dei pescatori contro il dominio delle grandi imprese capitalistiche.
– Attraverso la resistenza delle donne contro l’oppressione capitalistica e la dominazione patriarcale. Per la garanzia della loro dignità e dei loro diritto ad un’uguaglianza piena ed effettiva.
– Attraverso le lotte dei popoli per la loro sovranità e contro i piani coloniali, soprattutto in Africa.
– Attraverso la resistenza del popolo palestinese contro l’occupazione sionista.
 Le organizzazioni firmatarie di questa dichiarazione sostengono le lotte dei lavoratori e delle lavoratrici della Terra e del Mare in Marocco. Queste rivendicano il rispetto, da parte dello Stato marocchino, dei Diritti Umani; la liberazione dei prigionieri politici; la ratifica di convenzioni e accordi internazionali relativi alla garanzia dei diritti e delle libertà individuali e collettive. Esse, inoltre, fanno appello all’instaurazione di negoziazioni collettive con le organizzazioni sindacali e alla tutela dei diritti dei migranti sub-sahariani, allo scopo di porre fine alle campagne razziste messe in atto contro di loro.
 Le partecipanti e i partecipanti esprimono il loro sostegno alle lotte dei popoli per la liberazione, la libertà, la dignità, la giustizia sociale e l’uguaglianza. E per un mondo in cui regni la solidarietà tra i popoli e in cui scompaia lo sfruttamento dell’Uomo sull’Uomo.

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans