Chi Siamo

La rete Campagne in Lotta è nata con l’obiettivo di mettere in connessione lavoratori e lavoratrici – prevalentemente stranier* – che lavorano e vivono in diverse aree di produzione agro-industriale italiane, con singol* e collettività militanti. Mettersi in rete per conoscersi e coordinarsi, nell’ottica di sostenere processi di autodeterminazione ed auto-organizzazione che possano portare ad una composizione di vari ambiti di lotta.

La nostra esperienza inizia nell’agosto 2011 dall’incontro di due percorsi. Da una parte l’Assemblea dei Lavoratori Africani di Rosarno (ALAR), costituitasi a Roma in seguito alla nota rivolta di Rosarno (gennaio 2010). Dall’altra i lavoratori e i solidali che avevano preso parte all’altrettanto noto sciopero di Nardò (agosto 2011). Le lotte di Rosarno e di Nardò, come altre prima di loro, hanno in parte fatto emergere le durissime condizioni lavorative e socio-abitative alle quali erano e sono costretti i lavoratori e le lavoratrici delle campagne – ma anche la loro disponibilità alla lotta. La rete, quindi, si è costituita come strumento per rompere il loro isolamento, sostenere le loro spinte alla rivendicazione autodeterminata e portare pratiche di solidarietà concreta su diversi piani – da quello giuridico a quello dello scambio di conoscenze e informazioni, dalla socialità alla discussione politica. Ad oggi, la rete “Campagne in Lotta” è composta da lavoratori e lavoratrici precar*, stranier* e italian*, disoccupat*, singol* o organizzati in collettivi. Il percorso iniziato nell’Agosto del 2011 si intreccia ad altre esperienze di lotta (prima fra tutte quella dei facchini nel settore della logistica) e aspira ad una loro ricomposizione lungo le filiere dell’agroindustria ed oltre.

Nel corso degli anni, come rete abbiamo costruito e praticato interventi puntuali in alcuni territori, soprattutto la Capitanata (provincia di Foggia) e la Piana di Gioia Tauro (provincia di Reggio Calabria), luoghi noti per la produzione di pomodori e di agrumi, rispettivamente. Ma abbiamo stretto contatti e relazioni anche con altri territori, dalla zona del saluzzese (provincia di Cuneo) alla regione del Vulture (provincia di Potenza), dalle province di Napoli e Caserta alla Piana di Sibari (Cosenza). Questo ci ha permesso, oltre che di costruire solide relazioni con alcun* lavorator* (i quali sono diventati parte trascinante della rete stessa) e realtà organizzate, di approfondire la conoscenza dei meccanismi produttivi e di sfruttamento propri del comparto agro-industriale, e di sostenere le rivendicazioni di chi li subisce. Alla totale assenza di diritti per le/i lavoratori/lavoratrici salariat*, nelle campagne si associa una precarietà sociale e abitativa estrema (favorita dalle leggi sull’immigrazione e da altri meccanismi amministrativi di differenziazione) che a sua volta favorisce lo sfruttamento del lavoro riproduttivo. Come spesso accade, questo è svolto principalmente da donne, le quali si occupano di soddisfare a pagamento i bisogni primari dei lavoratori, dalla cucina alla sfera sessuale, nelle grandi baraccopoli come nei casolari abbandonati o nei centri abitati. Allo stesso tempo, le donne che lavorano come braccianti (e che per la maggior parte provengono da Romania e Bulgaria) in molti casi sono costrette ad accettare i ricatti sessuali di padroni e padroncini, e sono quindi sottoposte ad una doppia, brutale forma di sfruttamento.

In questo quadro, istituzioni e parti del terzo settore sono impegnate in un’opera di contenimento, controllo e messa a valore della precarietà esistenziale di alcuni lavoratori/lavoratrici straniere/i, soprattutto se provenienti dall’Africa sub-Sahariana: sono decenni che la marginalità endemica viene gestita come ’emergenza’ attraverso campi e tendopoli, che non fanno altro che riprodurla e per i quali si spendono ingenti somme di denaro pubblico. D’altra parte, la spettacolarizzazione, da parte della macchina militare-umanitaria, dei ‘ghetti neri’ come emergenza occulta la massa, molto più cospicua, di lavoratori e lavoratrici dell’est Europa che ogni anno migra dai propri paesi ed è costretta a subire condizioni di vita e lavoro altrettanto drammatiche, se non peggiori. Chi trae beneficio da questa gestione neo-coloniale e para-carceraria del lavoro bracciantile, a discapito dei lavoratori/lavoratrici e dei piccoli produttori, sono le organizzazioni dei produttori (O.P.) ed i grandi consorzi, che ovviamente sono legati a doppio filo con la grande distribuzione organizzata (G.D.O.).

Vista la molteplicità delle forme di sfruttamento che si registrano in questi ambiti, le pratiche di lotta e rivendicazione che in questi anni abbiamo sostenuto riguardano sia il piano amministrativo (permessi di soggiorno, residenze, diritto alla salute) che quello abitativo (contro tendopoli e ghetti e l’isolamento che producono, a favore di soluzioni strutturali che individuino nei soggetti che maggiormente traggono profitto dal sistema agro-industriale la principale responsabilità per l’alloggio ed il trasporto dei braccianti stagionali), oltre ovviamente a quello lavorativo. L’inchiesta e l’allargamento di collaborazioni e reti, a livello locale, nazionale ed internazionale sono strumenti fondamentali per il rafforzamento e la composizione delle lotte lungo le filiere globali dello sfruttamento.

Lascia una risposta

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans