BARI 30 GIUGNO: I LAVORATORI E LE LAVORATRICI DELLE CAMPAGNE PRETENDONO RISPOSTE DALLA REGIONE PUGLIA! BASTA BUGIE E FALSE PROMESSE!

Nonostante le ripetute richieste, a pochi giorni dall’inizio della stagione del pomodoro, la Regione Puglia rifiuta di incontrare il Comitato dei Lavoratori e delle Lavoratrici delle Campagne della provincia di Foggia, contravvenendo alle promesse fatte.

Da settembre 2015 infatti è in corso una mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori delle campagne della provincia di Foggia, che chiedono la regolarizzazione dei permessi di soggiorno e il rispetto dei contratti collettivi di categoria, per uscire dai ghetti e ottenere ciò che spetta loro. La loro lotta ha ottenuto alcuni importanti risultati: dopo numerosi cortei e presidi, alcuni hanno ottenuto i permessi di soggiorno, mentre la Questura e il Comune di Foggia sono stati costretti ad abbandonare forme di abuso rispetto al rilascio e rinnovo di permessi di soggiorno e residenze. In contemporanea, la Regione Puglia e il Governo centrale hanno siglato protocolli e stanziato risorse per affrontare quello che viene eufemisticamente definito come il problema del caporalato e salvare l’immagine del Made in Italy, anche sulla spinta di queste mobilitazioni e delle morti sul lavoro, che tanto scalpore hanno fatto.

Tuttavia, nonostante le promesse e i proclami, ad oggi le uniche misure che sembrano concretizzarsi sono ancora una volta tese a gestire un fenomeno strutturale in chiave emergenziale. Si continua a parlare di sgombero umanitario, con l’ipotesi di trasferire i lavoratori in tendopoli e campi container che riproducono e istituzionalizzano il ghetto, come si è ben visto a Rosarno dove l’omicidio di Sekine Traoré non fa che confermare una situazione di disagio nota da anni. I campi di lavoro certo non rappresentano una soluzione degna di questo nome al problema abitativo degli stagionali, o ancor meno a quello dello sfruttamento, mentre su trasporti e case ad oggi non esistono misure concrete.

Dopo il corteo del 29 febbraio a Foggia, che chiedeva di incontrare il ministro Martina ed il Presidente Emiliano, il 3 marzo si è tenuto un incontro tra il Comitato Lavoratori delle Campagne e il dott. Stefano Fumarulo, dirigente della Sezione Sicurezza Cittadino, Politiche per le Migrazioni ed Antimafia Sociale presso la Presidenza della Regione Puglia, incaricato di individuare delle soluzioni rispetto alla questione dei ghetti e dello sfruttamento. In tale data era stato sancito un impegno a favorire il percorso di regolarizzazione dei lavoratori attraverso l’impiego di strutture e risorse regionali. Nulla si è però concretizzato né i lavoratori sono stati informati delle misure che la regione intende adottare rispetto alla questione della casa, dei trasporti, dell’assistenza sanitaria, di loro diretta competenza.

Per questo, il 30 giugno si terrà un corteo nella città di Bari, in contemporanea con quello che dalla tendopoli sita nei pressi di Rosarno, in Calabria, porterà al Comune di San Ferdinando le medesime richieste, con l’obiettivo di aprire un tavolo di interlocuzione con la Regione e tutti i Comuni della Piana di Gioia Tauro. Si tratta di un corteo in cui le istanze dei lavoratori delle campagne, in prevalenza stranieri, si affiancano a quelle di molti altri soggetti, migranti e italiani, disoccupati e precari, occupanti di casa e ospiti dei centri di accoglienza, che sostengono questo percorso nella consapevolezza che si tratta di problemi che riguardano e coinvolgono tutti.

UNITI SI VINCE, LA PAROLA AI LAVORATORI!

WE STILL NEED YES!

30 GIUGNO 2016, h 10:00 – concentramento a Piazza Umberto – Bari

Comitato Lavoratori delle Campagne

Rete Campagne in Lotta

Retro jordans for sale, Cheap foamposites, jordan retro 5, cheap jordans for sale, foamposites For Sale, jordan retro 12, jordan retro 11, Cheap jordans for sale, jordans for cheap, jordan retro 11 legend blue, retro 12 jordans, cheap soccer jerseys, Canada Goose sale, cheap jordans